Iscriviti alla newsletter

PRESENTATO IL RITIRO DI CASTEL DI SANGRO: DE LAURENTIIS SU KOULIBALY E MERTENS, SPALLETTI ASSECONDA

Share
Share on facebook
Share on twitter
Share on pinterest
Share on whatsapp

Nella giornata di oggi ha avuto luogo la conferenza stampa di presentazione del ritiro del Napoli presso Castel di Sangro, che avrà luogo dal 23 luglio al 6 agosto. Ad intervenire durante l’evento sono stati: Aurelio De Laurentiis, presidente del Napoli; Luciano Spalletti, allenatore azzurro; Marco Marsilio, presidente della regione Abruzzo, ed Angelo Caruso, sindaco di Castel di Sangro. Di seguito le parole dei suddetti:

Aurelio De Laurentiis:

“Questo sarà il terzo anno che andremo a Castel di Sangro dopo il ritiro in Trentino. Abbiamo un accordo per 12 anni con Castel di Sangro, ci sarà questo più altri nove. Qualcuno si domanda perché De Laurentiis sia uno dei pochi che non cerca delle scorribande intercontinentali. Ieri Charlie Stellitano mi ha offerto di andare in Sud America per 1 milione e centomila dollari. Io ho rifiutato e lui mi ha detto che è strano. Invece io faccio così perché il periodo del ritiro è un periodo sacro, si gettano le basi per tutto l’anno. Quest’anno, inoltre, sarà strano, ci sarà lo stop per il Mondiale e io sto cercando di convincere altre squadre di Serie A di andare a confrontarci in un altro paese in quel periodo, un paese buono per clima e che abbia le strutture giuste. L’Italia non si fermerà. Senza la partecipazione al Mondiale diventa un problema non continuare a parlare degli italiani. Quindi noi daremo anche a voi giornalisti l’opportunità di seguirci in questo torneo novembrino, dicembrino, prenatalizio.

Perché non voglio andare fuori durante il ritiro? Perché non voglio distrarre me stesso e gli altri dirigenti sul mercato. Né voglio costringere la squadra a fare voli transoceanici, fusi orari eccetera. Se uno deve scommettere su una preparazione psicofisica corretta bisogna lavorarci senza avere dei ritardi. Saremo a Castel di Sangro dal 23 luglio fino al 6 agosto e faremo da tre a quattro partite. Queste tre o quattro partite saranno fatto con delle società europee, le stiamo interpellando, che noi ospiteremo. Preferiamo pagare noi dei soldi a qualcuno per farli venire a Castel di Sangro. Ci avevano offerto soldi per andare a Londra o altrove, ma a Castel di Sangro abbiamo tutto.

Gravina? Tutti dite che è Gravina che mi ha portato là. Invece lì mi ha portato il sindaco di Roccaraso. Noi ad un certo punto portavamo la Primavera in Trentino, poi ho fatto un accordo col sindaco di Roccaraso. Poi mi hanno detto che dovevo sentire il presidente della Regione Abruzzo. Io mi sono messo in macchina, sono andato a Castel di Sangro e sono andato a vedere. Sono stato soddisfatto. Poi mi sono visto con il presidente Marsilio e abbiamo fatto tutto subito. Tra me e Gravina c’è una contrapposizione giuridica sul Bari che vedremo come andrà. Le federazioni non hanno la capacità che le leghe hanno di pensare a un calcio nuovo. Perché? Perché quando uno ricopre una carica di presidente vuole comandare e, volendo comandare, si commettono degli errori. Cosa gli rimprovero? La Legge 91, per la quale non si è battuto. Non ho mai visto fare delle proposte. Ho sentito solo parlare di playoff e playout, non gli è mai venuto in mente magari di tornare a 16 squadre, come gli anni scorsi. Chi presiede delle organizzazioni nazionali e internazionali ha bisogno di voti e quindi non prende mai delle posizioni scomode. Chiaro il ragionamento? Ho aperto questa parentesi per dare una spiegazione. Leggevo su tutti i giornali che il presidente Gravina mi ha portato a Castel di Sangro. Lui aveva il Castel di Sangro, anche la sua esperienza calcistica è un’esperienza che io rispetto ma non è contemporanea, non può sapere cosa possa essere una squadra di Serie A del Sud. Io gli dico: tu presiedi? Ma fai comandare gli altri.

Quando sono venuto a fare il primo sopralluogo non ho detto che me ne sarei tornato in Trentino. Sono rimasto impressionato di una cosa che non credevo neanche esistesse e allora ho fatto un contratto di sei anni più altri sei, dodici anni. Noi nel mondo occidentale abbiamo 83 milioni di tifosi, di cui 15 milioni solo negli Stati Uniti. Allora perché non invitate delle persone straniere durante il ritiro che possano percepire cos’è quel posto dal punto di vista ambientale, del cibo, dello sport. Dovete sfruttare la forza del Napoli, i followers del Napoli, per far scoprire il vostro territorio. Pochi sanno, ad esempio, che le strutture di Roccaraso sono ferme lì dagli anni Settanta. Ma a me risulta che Roccaraso è considerata tra le dieci stazioni più importanti d’Europa per quello che può offrire, ma la gente non lo so. E allora io, fossi in te metterei a posto Roccaraso, investirei qualcosa, anche se in Italia non è facile”.

Marco Marsilio, presidente della regione Abbruzzo:

“Grazie a tutti per aver scelto l’Abruzzo. Questa è la terza edizione di 12 di questo ritiro, il che conferma la soddisfazione per la partnership con il Calcio Napoli. Speriamo sia l’anno buono per vedere migliaia di tifosi dopo le prime due stagione condizionate dal Covid.

Vogliamo far conoscere l’Abruzzo a chi non ha ancora ammirato le nostre bellezze. Vogliamo unire l’opportunità del ritiro del Napoli per incentivare la promozione turistica e per far visitare i nostri ottimi impianti sportivi e non solo. Volgiamo dare una mano a mister Spalletti ed ai giocatori per prepararsi al meglio per la vittoria di tanti trofei”.

Angelo Caruso, sindaco di Castel di Sangro: “Con l’emozione della prima volta seguo questa conferenza stampa. È una nuova esperienza che ci auguriamo sia quell’esperienza auspicata già dal primo ritiro. È bello avere un club blasonato come il Napoli di mister Spalletti. Talvolta ci viene contestato di non essere presenti nel panorama delle località turistiche, ma è un concetto che va oltre. Noi abbiamo chiarito e stabilito che i ritiri si possono fare non solo sulle Alpi ma anche sugli Appennini e in Abruzzo. Per questo devo ringraziare De Laurentiis e il presidente Marsilio. Per quello che ci riguarda l’impiantistica sarà di livello A, come sempre. Il nostro stadio ogni anno va in mondovisione, due partite internazionali l’anno e quest’anno ospiterà amichevoli di livello, che era quello che ci auspicavamo tutti. Si comincerà a vedere agonismo e livello tecnico. Abbiamo definito le location anche per i momenti d’incontro, con la stampa, col mister, con i giocatori. Ci auguriamo sia per la prima volta un ritiro normale da noi che susciti quell’effetto promozionale che poi si potrà propagare, anche con l’aiuto della stampa. L’Abruzzo è una regione enorme, che ha tante di quelle attrattive, da qui sfido la stampa di andare a ricercarli e promuoverli. Sarà una bella opportunità per tutti”.

Cominciano le domande dei giornalisti.

Spalletti:

Quant’è importante avere amichevoli di livello in ritiro? “Avere delle amichevoli serve. E bisogna averle di un certo livello se non hai una squadra mentalmente preparata a capire le necessità e i momenti del campionato. Noi siamo una squadra abbastanza matura, nella fatica del ritiro è difficile acchiappare il massimo della condizione fisica e dell’attenzione mentale. Diventa un completamento. Però poi giocare con qualche squadra che dà qualche stimolo in più aiuta un po’. Bisogna diversificare, dalla partita più abbordabile a quella più difficile, e la mia squadra sa interpretare queste situazioni. A Castel di Sangro troviamo un po’ tutto. Andarsi a spostare all’estero, come diceva il presidente, è forse meglio ma ha un costo dal punto di vista della fatica. Il viaggio costa quanto l’allenamento dal punto di vista della fatica mentale”.

Vuole una squadra già completa per il ritiro di Castel di Sangro? “Ma anche in questo il calcio è cambiato, bisogna navigare a vista. Non è che si possa, come una volta, mettere a posto la rosa. Ci sono vari momenti e in quei vari momenti per forza si inserisce il mercato e devi essere pronto a fare dei cambiamenti. Bisogna toccare il tasto dell’equilibrio e della sostenibilità, l’abbiamo fatto già l’anno scorso col presidente, bisogna continuare. Ma mantenendo una squadra competitiva, con calciatori forti. Perché sennò la palla, anche col campo buono, non viaggia alla velocità giusta”.

Aurelio De Laurentiis prende la parola: “C’è un’altra cosa da sottolineare. Noi siamo l’unica squadra italiana che sta da tredici anni in Europa. I nostri giocatori sanno perfettamente cosa accade quando si va fuori a giocare. Quest’anno abbiamo un vantaggio in più nello svantaggio. Il fatto di dover interrompere i campionati è una grande cavolata fatta da Blatter e compagnia bella, ma non ne voglio parlare sennò scriviamo un film giallo. Ma per noi sarà un vantaggio perché potremo prepararci a un mercato di gennaio che sarà il termometro giusto per misurare la febbre, per verificare come sono state le scelte fatte fino a quel momento. Io non sono uno da mercato di riparazione, ma in passato ho dovuto cedere e sono dovuto intervenire anche a gennaio. Quest’interruzione è sfastidiante, ma ci permetterà di fare ragionamenti importanti”.

De Laurentiis sul futuro di Koulibaly e Mertens: “Si fa molto spesso del sentimento, piuttosto della ragione, come approccio ai problemi. Sono dei ragionamenti che tu non puoi organizzare da driver come vorresti. Ci sono delle famiglie, degli agenti, ci sono i calciatori. E quindi degli interessi che molto spesso non sono gestibili dalla società. A meno che la società non voglia dissanguarsi. Lo Scudetto lo vince il Milan che ha 40 milioni in meno di monte ingaggi, questo vuol dire che noi dobbiamo rimetterci sui binari della regola che ci ha fatto da guida in tutti questi anni. La continuità nella SSC Napoli, dalla mia presidenza in poi, non si è mai avuta. Perché voi dal 1926 fino al primo scudetto non avete vinto nulla, in 60 anni? Allora non potete rimproverare a me che non voglio vincere lo Scudetto. De Laurentiis vuole vincere lo Scudetto, ma ci sono delle regole. Se io dico che quest’anno vinceremo lo Scudetto metto anche l’allenatore in una situazione di fuoco incrociato da parte dei media. Invece l’allenatore deve essere straprotetto. Quando abbiamo perso qualche partita che avremmo potuto e dovuto vincere mica ho fatto qualche dichiarazione contro l’allenatore? Sarebbe stato fuori luogo. Anche perché quante sono le partite che mi ha fatto vincere? Quando mi dicono: accatt’ ‘o giocator! Io dico che abbiamo giocatori straordinari. Poi ci sono dei giocatori che diventano condizionanti per lo spogliatoio se non giocano. Perché devo avere 23 giocatori e pagare 23 stipendi? Allora torniamo ai 16 giocatori degli anni passati? No, dobbiamo fare la Champions. Allora ci teniamo 23 giocatori. Però bisogna avere il coraggio di rischiare, chi non risica non rosica. Io mi prendevo il rischio anche nel mondo del cinema e di 400 film ne ho sbagliati 3. Quindi la regola funziona. Nel calcio sembra che tutti abbiano paura di perdere qualcosa. Voi avete mai visto un dirigente sportivo parlare male delle istituzioni o di qualcuno? Perché poi cambia squadra e poi come si troverebbe? Ovviamente a disagio. La cosa più bella della vita è non avere scheletri negli armadi e poter essere liberi di dire quello che si pensa. Ma se dire quello che si pensa diventa scomodo perché voi lo interpretate. Per me quei due calciatori che lei ha nominato sono due calciatori che rispetto, a cui voglio molto bene, ma dipenderà solo da loro vedere se la vile moneta è l’unica cosa che li può appagare o se vivere a Napoli, vivere una situazione anche filosoficamente diversa, lo possano considerare un privilegio. Altrimenti è un problema che non mi riguarda più”.

De Laurentiis sull’idea di un mini-torneo durante il Mondiale: “Dovremo avere degli sparring partners prendendoli dalla Serie B, dalla Serie C, come confronto. Oltre che tra le altre compagini. Non si possono trovare otto squadre di Serie A per fare questo mini-torneo, quindi bisogna studiare tutto. Io lo sto facendo da un mese e ne parlerò in Assemblea”.

Per Adl: a Castel di Sangro c’è la possibilità di vedere uno tra Bernardeschi, Cavani e Vecino? “Sono stato molto silenzioso durante il campionato, quindi vi devo dare la possibilità di fare almeno due incontri in cui potrete farmi tutte le domande che vorrete. Qui sono tutti cedibili. Ho trattato personalmente Bernardeschi, sono già tre settimane che ho parlato col suo agente a Montecarlo e gli ho chiesto cosa facesse. Ma ho parlato anche col mister perché non si possono prendere delle persone non assimilabili in un contesto di gioco che sceglie il mister. Quindi se vogliamo fare Fantacalcio va bene, ma i calciatori devono essere messi bene in campo. Con questo non mi permetterei di dire che Bernardeschi non vada bene, ma neanche il mister. Vedremo. Vecino e Cavani? Mai avuto contatti. Finché tu prendi in porta uno che ha 34-35-36 anni è un discorso. Ma quando cominci a prendere uno sul quale tu punti… Quando noi abbiamo preso Cavani dal Palermo era una seconda punta, qua invece è diventato una prima punta. Ora bisogna capire. Tu ti devi sempre mettere in testa che se la gente non gioca, anche se è dolce, simpatica, carica e ama il territorio, ti creerà sempre problemi negli spogliatoi. Quindi bisogna essere attenti nelle scelte perché oggigiorno basta una mosca che si trasforma in moscone per fare il patatrac”.

Per Spalletti: come troverà il mix tra giovani e giocatori d’esperienza? La risposta arriva da De Laurentiis: Perché Di Lorenzo quand’è arrivato era vecchio? Di Lorenzo è sempre stato Di Lorenzo”. 

Prende la parola anche Spalletti: “A voi Baldari impone una sola domanda, a noi impone una sola risposta”.

Per De Laurentiis: a Castel di Sangro vedremo le nuove maglie Armani? “Le presenteremo o nel ritiro in Trentino o prima del ritiro stesso. La mia collaborazione con Armani continua, quindi sono estremamente contento. Ho visto che Adidas ha fatto un accordo per dieci pezzi unici con Balenciaga. Costavano 1.800 euro, 800 euro, 600 euro, 500 euro, 1.200 euro. Diciamo che il mondo dello sport sta diventando sempre più fashion. Io mi chiedevo perché bisognava decidere 18 mesi prima, mi hanno detto che con queste ditte è così. Quando io ho girato l’Europa per parlare coi grandi marchi rimanevo very disappointed, perché a quello non gli farei fare manco il segretario a casa mia. E quelle cose non le avrei messe mai. In un momento di crisi noi abbiamo fatto 13 maglie. Ma la verità è anche un’altra: uno dovrebbe giocare il 60-70% delle partite con la maglia azzurra perché quello è il nostro emblema, il nostro simbolo. Noi stiamo andando avanti”.

De Laurentiis sui rinnovi di Ospina e Fabian: “Siamo sempre alle solite. Ospina ha il contratto scaduto, l’ho incontrato, gli ho parlato chiaro e lui è partito. Mercoledì scorso l’ho chiamato per avere una risposta, ma è in nazionale. Fabian? Ho incontrato prima lui e poi i procuratori, che mi hanno detto che mi faranno sapere entro 15 giorni. I 15 giorni non sono ancora passati. Nessuno vuol mandare via nessuno, ma nessuno vuol fare follie per i giocatori”.

De Laurentiis sul ridimensionamento: “Non è un problema di ridimensionamento, ma portare sul binario giusto delle cose che sono accadute all’interno della società in questi ultimi tre anni. Di accanimenti contrari e devastanti ne abbiamo subiti parecchi. Non fa piacere a Napoli quando uno porta il signor Ancelotti che viene per la stima che ha di me e si siede e accetta la metà di uno stipendio pur di venire a Napoli, dimostra di amare Napoli e non viene considerato dai tifosi. Non è corretto fischiare un secondo posto contro una Juventus che ha dimostrato parecchie volte di avere dei favoritismi che l’hanno incoronata. Visto che io appartengo al genere delle persone perbene, questa condizione non l’abbandonerò mai, neanche se volessero incoronarmi re. Io devo rimanere limpido, non me ne può fregare di meno. Quando vado a letto la notte non dovrò mai pentirmi se ho mandato qualcuno a fanculo. Più di tre volte al giorno non possiamo mangiare”.

Ci sono iniziative per i tifosi a Castel di Sangro? “Se i tifosi non vogliono venire a Castel di Sangro, che è un’ora di macchina, voglio dire… Sicuramente ci saranno iniziative. Allenamenti a porte aperte? Decide il mister. Nel rispetto delle misure anti-Covid faremo tutto quello che si è sempre fatto. Pregherò il mister: in tutte le settimane in cui si giocherà una sola partita e non due partite, durante la stagione, sarà opportuno organizzare un allenamento a porte aperte al Maradona, per i tifosi, sempre che si comportino in maniera adeguata. Io ora farò tutti i ricorsi possibili e immaginabili perché ci sono rimasto male. La FIGC si permette, senza fare una indagine, di obbligarmi a pagare trentamila euro e chiude la Curva A del Maradona: secondo voi è corretta o scorretta questa posizione? Poi dicono che ce l’ho con Gravina, ma io non ce l’ho con Gravina, ce l’ho con una federazione che non sa fare le cose”.

Per Spalletti: È tranquillo sulla rosa? Sarà competitiva? “Sono ogni giorno in contatto col direttore Giuntoli, valutiamo di volta in volta in base a quello che succede. Vado in vacanza tranquillo, poi vedremo che succederà e se ne parlerà ogni volta che viene fuori la richiesta del calciatore e la possibilità di vederlo con un’altra maglia. Sono d’accordo col presidente sull’allenamento a porte aperte”.

De Laurentiis prende parola: “Quindi sei d’accordo, Luciano?”.

Risponde Spalletti: “Sì, su quello sono d’accordo. Sono importante tutte le componenti per fare una squadra”.

Prende di nuovo la parola Aurelio De Laurentiis: “Il 22 maggio è finito il campionato, il 27 maggio, cinque giorni dopo, noi avevamo chiuso il sostituto di Insigne, il sostituto di Ghoulam. Abbiamo riscattato Anguissa e prolungato Juan Jesus. Quindi abbiamo fatto quattro operazioni in cinque giorni. Cosa vuol dire? Che stiamo dormendo? Qui non pettiniamo le bambole, come diceva Ancelotti. Ma porta sfortuna e quindi non diciamo nulla”.

Per Adl: Come si fa a far digerire un prodotto che non genera il sogno dello Scudetto? “Io ho vinto una settantina di biglietti d’oro al cinema, ma non mi sono mai posto il problema di battere cinquecento film. A volte ho vinto, a volte sono arrivato secondo, altre terzo. Nel cinema guida lo spettatore. Nel calcio mi sono imbattuto in regole e regolamenti anche inquinati, in cui ho dovuto fare a cazzotti con un sistema che a noi non piace. Non conduco il gioco sul campo perché ci sono giocatori, allenatore e staff. Se io metto appunto una Ferrari e i piloti non me la portano a vincere il campionato, cosa dovrebbe dire la Ferrari? Resta la macchina più desiderata al mondo, nonostante non vinca da tempo. Lo dice un Ferrarista, da quando avevo 18 anni. Bisogna inserire il tutto in un contesto più generale, nel contesto del calcio. Molto spesso le istituzioni non hanno rispetto per i tifosi. I campionati nazionali sono la prima scelta per i tifosi, ma si dice che bisogna far giocare i nazionali e non ci sono i tempi giusti. Ogni anno il circo riparte senza aver fatto un consultivo su cosa ha funzionato e cosa no. Abbiamo avuto una classe arbitrale che per tanti anni ha fatto quello che ha fatto, poi c’è stato Calciopoli. Per avere il VAR ci siamo dovuti battere come dei pazzi. L’Italia è stata la prima ad utilizzarlo, male, perché comunque la casta va rispettata. Non si dà all’allenatore la possibilità di chiamare il VAR. Anche il sistema di gioco condiziona la spettacolarità. Tutti questi condizionamenti che io trovo brutalmente limitanti fanno sì che o imbrogli, e allora vinci per un tot numero di anno, o competi e allora puoi anche perdere. Nella vita si perde, si vince e si pareggia. Se parlo e non vinco, poi faccio una figuraccia. Allora uno tace. Ora che siamo quasi usciti dal Covid, c’è la guerra. Chi se l’aspettava? Bisogna investire, ma con sapienza. Se il Napoli fallisse e ripartisse dall’Eccellenza i tifosi sarebbero contenti? Io ho una responsabilità nell’ambito sociale perché Napoli è un vessillo in tutto il mondo. Un Napoli dove si faceva la ricchezza di alcune società e alcuni scrittori. Un conto è fare Il Padrino quando già le situazioni in America sulla mafia erano già sotto controllo. Noi siamo il paese più disastrato dal punto di vista della non-contaminazione delle forze dell’illegalità. Basta vedere gli strani. Basta vedere come risponde il Ministero degli Interni. Nel 2014 mi sono spaccato per far cambiare il regolamento sul DASPO. Negli stadi hanno buttato una Lambretta, o ve lo siete dimenticati? Il nostro paese è di una civiltà antica. Noi ci siamo illusi di essere degni di essere eredi dell’Impero Romano, ma noi siamo eredi dei visigoti, degli ostrogoti, di questa gente qui. Avete visto gli americani quando c’è un funerale cosa fanno? Avete visto Top Gun che è un film estremamente politico? Andate a vedere l’ultimo episodio di Top Gun e vi accorgerete come gli americani ci tengano alla sua bandiera”.

In conclusione prende la parola Spalletti: “Noi abbiamo fatto quello che dovevamo fare, lo devo ai miei calciatori. Se ne fallisce una sola di squadra ha ragione lei, ma se falliscono 4-5 squadre vuol dire che c’è un livellamento nelle squadre di seconda fascia. Abbiamo fatto quello che dovevamo anche nella capacità di rimanere delusi quand’è svanito il sogno Scudetto. Anche lì l’abbiamo riconosciuto, siamo stati squadra, abbiamo percepito la delusione e questo può darci molto. Poi si prende la classifica e la si guarda bene, forse la dimentichiamo. Ci sono squadre che sono arrivate a tanti punti che l’anno prossimo possono arrivarci davanti, sono al livello. Il prossimo sarà un campionato difficile. Rimettere dietro squadre che abbiamo messo dietro quest’anno non è facile. In questo condominio ci sono otto squadre, ci metto anche la Fiorentina perché farà un mercato importante e ha una squadra di livello. Ma ai nostri calciatori si può appuntare poco perché è cambiato un po’ il modo di giocare ed è stato un campionato difficilissimo. Occasione perduta? “Abbiamo fatto quello che dovevamo fare anche in questa delusione. Questa delusione ci ha permesso di reagire nelle partite dopo. Fino all’ultima partita siamo stati professionisti. Mentre prima c’era il rischio di non poterci entrare in Champions. Dare 15-16 punti a Lazio e Roma non è da nulla. Dire che è un’occasione perduta è limitante”.

Riprende la parola De Laurentiis: “La Fiorentina ha venduto per 120 milioni, il Napoli non ha venduto nessuno e qualcuno mi dà anche dell’idiota per non aver venduto nessuno. Queste squadre apparentemente minori poi non giocano in Europa e quindi hanno tutta la settimana per preparare la partita”.

Spalletti: “Allora andiamo avanti. Non hanno neanche la Coppa d’Africa né il numero più alto di casi Covid in Serie A. E non hanno gli infortuni che abbiamo avuto noi”. 

De Laurentiis conclude: “Voglio concludere con un messaggio questa conferenza stampa: Faremo di tutto per riportare a Napoli lo Scudetto. Ma dovremo essere tutti insieme e se non ce la faremo non dovremo deprimerci perché noi siamo il Napoli”.

Notizie

La diretta da DIMARO su
TELE A

8 / 19 luglio alle 21,00
DIRETTA TV
Serie A 2022/2023

GVPaPePt.
1Lecce
0
0
0
0
0
2Spezia
0
0
0
0
0
3Bologna
0
0
0
0
0
4Cremonese
0
0
0
0
0
5Napoli
0
0
0
0
0
6Udinese
0
0
0
0
0
7Monza
0
0
0
0
0
8Sassuolo
0
0
0
0
0
9Salernitana
0
0
0
0
0
10Roma
0
0
0
0
0
11Internazionale
0
0
0
0
0
12Juventus
0
0
0
0
0
13Fiorentina
0
0
0
0
0
14Milan
0
0
0
0
0
15Sampdoria
0
0
0
0
0
16Atalanta
0
0
0
0
0
17Lazio
0
0
0
0
0
18Torino
0
0
0
0
0
19Empoli
0
0
0
0
0
20Hellas Verona
0
0
0
0
0


Ricevi le ultime notizie nella tua casella email